Distillati e liquori in Italia


Distillati e liquori in Italia!!

Per creare un grande distillato la qualità della materia prima e fondamentale, così come lo sono lo studio e l'esperienza del maestro distillatore, i metodi e la conduzione della distillazione i diversi tipi di alambicco, la distillazione continua o discontinua.

I tipi di Distillati si soddividono in quattro famiglie: Acquaviti di vino: Brandy, Cognac, Armagnac, Grappa (Uva e Vinaccia); Acquaviti di cereali: Whiskey (orzo, mais, segale, grano), Gin (segale), Vodka (grano), Sahè (riso); Acquaviti di Frutta: Williams (pere), Calvados (mele), Kirsh (ciliege); Acquaviti di piante: Rum (canna da zucchero),Tequila (agave), Cachaca (canna da zucchero).

Il più Italiano fra i distillati; non può chiamarsi grappa, se non è prodotta in Italia. E' un prodotto della distillazione di vinacce (graspi, bucce, vinaccioli, e quello che resta in genere della speremitura delle uve per la produzione del vino).

Nel medioevo la grappa era definita acqua di vita, ma l'elevato contenuto alcolico ne fa una bevanda da consumare con moderazione, da assaporare in piccole quantità e in momenti di piacevole compagnia.
Finezza, ricchezza, equilibrio, persistenza gusto-olfattiva sono alcuni parametri che determinano il carattere della grappa.
Maestri distillatori ci spiegano la storia, la produzione, le varietà e tipologie e come degustare la grappa di cui l'Italia è Regina.

L'Italia è anche grande Maestra per la produzione di Liquori, che sono ad alto contenuto zuccherino e sono molto aromatizzati dalle sostanze di cui sono composti. Il grado alcolico è spesso (anche se non obbligatoriamente) inferiore a quello dei distillati.

L'Italia che ilmangiaweb ama raccontare.

Giovanni Mastroianni

Distillati e liquori in tutta Italia

349 trovati  |  Ordina per